Gruppo Archeologico Achu

Da queste lettere graffite su di una ciotola rinvenuta nella necropoli etrusca di San Martino ai Colli (Barberino Val d’Elsa), che sembra riportino in modo sinistrorso il nome etrusco “Achu”, prende il nome l’associazione archeologica che dal 2000 opera nel territorio comunale di Barberino Val d’Elsa e di Tavarnelle Val di Pesa.

Il Gruppo archeologico Achu da alcuni anni, oggi in accordo con l’Unione Comunale del Chianti Fiorentino e in collaborazione col Sistema Museale del Chianti e del Valdarno, si occupa della gestione dell’Antiquarium di Sant’Appiano e della Cupola di San Michele Arcangelo a Semifonte, ma gran parte dell’attività consiste nella promozione della ricerca storica e archeologica, nonché di azioni di tutela nei confronti del patrimonio culturale e ambientale, mediante l’organizzazione di mostre, visite guidate e iniziative divulgative in genere.

 

 

Chianti Segreto

Chianti segreto è un progetto del Gruppo Archeologico Achu che ha la finalità di valorizzare e far conoscere le attività riguardanti quei beni culturali e ambientali del Chianti e della Valdelsa che sono meno conosciuti, ma non per questo meno preziosi ed affascinanti di altre mete più note ed inserite da tempo nei percorsi turistici.

Uno dei punti di forza del nostro territorio di riferimento è quello di poter svolgere con facilità la visita ad aree archeologiche, naturalistiche o storico artistiche senza subire lo stress del contesto metropolitano, offrendo, in questo senso, una differente offerta per una visita in Toscana, anche trascorrendo un giorno di maggiore tranquillità, dopo aver visitato mete indubbiamente più famose come Firenze, Pisa e Siena.

Con questo sito, come accade per altre attività da noi gestite, si cercano anche dei contributi in termini di volontariato e di donazioni finanziarie da utilizzare per sostenere l’attività dell’associazione, fatta di tanti piccoli e grandi interventi che vanno dalla manutenzione ordinaria di alcuni monumenti da noi gestiti, ad esempio la cupola di San Michele Arcangelo a Semifonte, ai restauri e alla conservazione dei materiali archeologici rinvenuti sul territorio, fino alla promozione di attività di studio e di ricerca.